Pensioni 2017 ultimissime 17 ottobre: Ape Social e ‘Ape Rosa’ priorità del Governo Gentiloni

→ Condividi questo articolo:

Pensioni 2017 ultimissime 17 ottobre: Ape Social, Ape Rosa e innalzamento automatico età pensionabile

La convocazione richiesta nella giornata di ieri 16 ottobre dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, con i leader delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, sembra non aver chiarito alcuni punti chiave legati alle manovre decise dal Governo Gentiloni in merito all’innalzamento automatico, pensione anticipata (Ape Social) e nuove misure previdenziali.

> Legge di Bilancio 2018, tutte le novità

Le parole di Poletti sono state accolte con preoccupazione dai sindacati. Il Governo non ha in mente di pianificare nessun tipo di flessibilità previdenziale, né il blocco dell’età pensionabile che, nel 2019, salirà a 67 anni di età.

Vuoi rimanere aggiornato sulle Pensioni 2017? CLICCA QUI

Pensioni 2017 ultimissime 17 ottobre: “mobilitazione di lavoratori e dei pensionati”

Praticamente oggi il Governo non ha dato alcuna apprezzabile risposta ai temi posti dal sindacato sulle pensioni. E dopo le dichiarazioni di Gentiloni circa la volontà di non intervenire sulla norma che prevede la crescita automatica dell’età di pensione legata all’aspettativa di vita, anche l’ipotesi di una prosecuzione del confronto, in queste condizioni, sembra una presa in giro. Stiamo valutando in queste ore come procedere ma non vedo altre strade se non quella del rafforzare ed estendere la mobilitazione dei lavoratori e dei pensionati.

Il commento postato su Facebook dal segretario Cgil Marche, Roberto Ghiselli, sull’incontro espone bene l’idea comune delle organizzazioni sindacali di protestare contro la nuova Legge di Bilancio 2018. Poletti rimane fermo sui punti chiave presentati dalla LdB2018: “Previdenza non è priorità”.

Pensioni 2017 ultimissime 17 ottobre: le agevolazioni sulle lavoratrici italiane

Nonostante quindi le richieste anticipate da Cigl, Cisl e Uil in piazza, domenica 15 ottobre, il Governo Gentiloni ha congelato qualsiasi tipo d’intervento di bonifica sull’innalzamento dell’età pensionabile.
La nuova manovra prevista dal ddl riguarderà altre priorità del Paese come la lotta contro la povertà, blocco dell’IVA fino al 2020 e assunzioni agevolate per gli under 35. Il Ministro Poletti ha approvato le misure legate all’anticipo pensionistico o Ape Social e, introdotto un’Ape Rosa per tutte le lavoratrici italiane. Quest’ultimo sarà costituito da uno sconto pari a 6 mesi per ogni figlio, fino a un massimo di 2 anni complessivi.

Ape Social e Ape Rosa, i requisiti

L’anticipo pensionistico potrà essere richiesto a partire dai 63 anni di età con almeno 30-36 anni di contributi, in base alla categoria di appartenenza. l’Ape Social sarà erogato al raggiungimento dei requisiti di vecchiaia (nel 2018 sarà di 66 anni e 7 mesi sia per le donne, sia per gli uomini) e verrà calcolato in base:

– all’età del lavoratore
– calcolo contributivo (fino al 31 dicembre 2011), contributivo o misto

Secondo dati aggiornati, le madri che potranno accedere all’Ape Rosa saranno circa 4mila mentre il numero di richiedenti dell’anticipo pensionistico, nel 2018, calerà notevolmente.

LEGGI ANCHE: Legge di Bilancio 2018 testo approvato: Governo Gentiloni anticipa i tempi, ecco le novità

Credits: Wikipedia

© 2017, Giorgia Basile. All rights reserved.

Tags: , , ,

0 Comments

Leave a Comment

I più letti

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK!

Facebook Pagelike Widget

ULTIME NEWS

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
error: © Labor News

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
e rimani aggiornato su...

 

- offerte di lavoro
- pensioni
- concorsi
- novità sul mondo del lavoro

 

INSERISCI LA TUA E-MAIL QUI SOTTO

 

ISCRITTO!