Pensioni 2017 ultimissime: cumulo gratuito contributi Inps, richiesta e requisiti

→ Condividi questo articolo:

Pensioni 2017 ultimissime: cumulo gratuito contributi Inps

La nuova circolare emanata dall’Inps dà ragione all’annucio fatto a fine settembre da Tito Boeri durante il Festival del lavoro di Torino. Il cumulo gratuito contributi della pensione è stato finalmente approvato dall‘Inps. Chi lo stava aspettando da mesi potrà ora usufruirne grazie alle nuove istruzioni operative fornite dall’ultima circolare.

Cosa richiedere quindi all’Istituto nazionale della previdenza sociale? Il lavoratore può fare domanda per recedere dalla ricongiunzione e quindi farsi restituire i soldi versati fino al momento della richiesta.
Il rimborso non è però immediato, il contribuente dovrà infatti aspettare il dodicesimo mese dalla domanda. Passato quell’arco di tempo, l’Inps provvederà a saldare il conto in 4 rate annuali non maggiorate d’interessi.

> Vuoi rimanere aggiornato sulle Pensioni 2017? CLICCA QUI

Pensioni 2017 ultimissime: cumulo gratuito richiesta e requisiti

In attesa di una legge ufficiale, prevista entro il 1° gennaio 2018, l’attuale circolare vuole fare chiarezza anche sui requisiti necessari per richiedere il cumulo gratuito contributi della pensione, che sono i seguenti:

– recessi dalla ricongiunzione avvenuti dopo il 1° gennaio 2018; – soggetti che non hanno maturato i requisiti per l’accesso alla pensione entro e non oltre il 1° gennaio 2017;
– pagamento integrale relativo all’onere della ricongiunzione;
– pensione già liquidata, anche se su di essa vengano trattenute le rate della ricongiunzione;
– recesso dalla ricongiunzione intervenuto entro e non oltre il 31 dicembre 2016;
– ricongiunzione esercitata su contributi versati da liberi professionisti in base alla legge 45/90.

L’Istituto nazionale della previdenza sociale sottolinea che la facoltà di cumulo può essere esercitata anche da quei soggetti che hanno già tutti i requisiti richiesti per il diritto autonomo in una delle gestioni interessate.

Per coloro che hanno versato contributi sia come lavoratore autonomo che come lavoratore dipendente, l’Inps può:

– richiedere il cumulo gratuito contributi della pensione in riferimento alla legge varata 2016: tenuto conto dei requisiti per il diritto autonomo al trattamento della pensione in una delle gestioni, è legittima la richiesta di esercizio della facoltà di cumulo;
– il lavoratore può chiedere all’Inps di applicare il cumulo anche se in possesso dei requisiti per il trattamento della pensione in una delle gestioni: se il contribuente ha versato contributi sia all’Inpdap, sia all’Inps, può chiedere il cumulo anche se ha raggiunto o superato la soglia minima di contribuzione.

Pensioni 2017 ultimissime: cumulo gratuito e pensione anticipata e indiretta

Tutti coloro che richiederanno la pensione anticipata dovranno tenere conto del requisito minimo contributivo: attualmente 42 anni + 10 mesi per gli uomini e, 41 anni + 10 mesi per le donne.

Il paletto messo dall’Inps riguarda però il rapporto di lavoro dipendente che deve cessare qualora venga fatta richiesta di pensione anticipata. La domanda per conseguire la pensione indiretta può essere effettuata anche dai superstiti quando il familiare defunto aveva maturato i requisiti per il diritto autonomo alla pensione in una delle gestioni interessate.

LEGGI ANCHE: Pensioni 2017 ultimissime, Damiano “non procedere col decreto di fine anno”

© 2017, Davide Cortesi. All rights reserved.

Tags: , , ,

0 Comments

Leave a Comment

I più letti

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK!

Facebook Pagelike Widget

ULTIME NEWS

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
error: © Labor News

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
e rimani aggiornato su...

 

- offerte di lavoro
- pensioni
- concorsi
- novità sul mondo del lavoro

 

INSERISCI LA TUA E-MAIL QUI SOTTO

 

ISCRITTO!