Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

→ Condividi questo articolo:

Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

Condizioni e parametri richiesti Ape volontaria 2018

In seguito alla presentazione del nuovo strumento per la simulazione dell’Ape volontaria sono arrivate alla Redazione di LaborNews numerose domande per calcolare l’anticipo pensionistico Inps 2018. Vediamo di seguito insieme quali parametri tenere conto per fare richiesta all’Istituto di Previdenza.

Una delle condizioni richieste per beneficiare dell’Ape volontaria è l’importo soglia minimo (che corrisponde all’importo della pensione mensile): “al netto della rata di ammortamento per il rimborso del prestito richiesto” che dovrà essere “pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo dell’assicurazione generale obbligatoria“, che quest’anno ammonta a 710,3 euro mensili.

> SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK! CLICCA QUI

La circolare attuativa Inps spiega maggiormente quali punti seguire alla lettera, stiamo parlando dei punti:

  • 1.3. Requisito di importo di pensione
  • 2. Importo minimo e massimo di Ape ottenibile

La verifica dell’importo di pensione, al lordo dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, viene realizzata tenendo conto dei seguenti parametri:

  • requisito contributivo
  • contribuzione versata o accreditata nella forma assicurativa
  • montante contributivo maturato
  • retribuzione/reddito percepiti nel periodo di riferimento

Ai coefficienti di trasformazione vigenti alla data di presentazione della domanda di certificazione del diritto all’Ape e relativi all’età posseduta dal soggetto interessato alla prima data utile di presentazione domanda di Ape, per i soggetti con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996, ovvero all’età richiesta per il diritto alla pensione di vecchiaia, per i soggetti con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995.



Il calcolo della pensione è subordinato al sistema contributivo e ai coefficienti di trasformazione vigenti alla data di presentazione della domanda e relativi all’età del soggetto interessato alla prima data utile di presentazione della domanda di anticipo pensionistico.

Rimani aggiornato sull’argomento Pensioni, iscriviti alla newsletter per ricevere tutte le news!

pensioni 2017
Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

Importi soglia Ape volontaria Inps 2018

L’Istituto di Previdenza precisa che per ottenere l’anticipo pensionistico:

  • un importo superiore a 950 euro mensile non necessita di combinare entità e durata del prestito
  • un importo compreso tra 710 e 950 euro mensili lordi necessita di combinare entità e durata del prestito

Ecco riassunto in una tabella le soglie minime e massime per l’erogazione del prestito pensionistico Inps 2018 [PensioniOggi]:

soglie ape volontaria 2018

Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

Qual è l’importo minimo e l’importo massimo Ape volontaria 2018?

L’importo massimo deve garantire che l’importo mensile della pensione, al lordo dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e al metto della rata di ammortamento corrispondente all’Ape richiesta, risulti pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo previsto nell’assicurazione generale obbligatoria.

È da ricordare inoltre che la circolare Inps sancisce l’importo minimo a 150 euro mentre l’importo massimo erogato viene “determinato in base all’ammontare mensile di pensione maturato alla data di presentazione della domanda di certificazione del diritto all’Ape nonché alla durata del periodo di erogazione dell’Ape; nonché alle condizioni supplementari che contribuiscono a determinare il finanziamento“.

La durata dell’erogazione superiore ai 3 anni incide anche sull’importo massimo che non deve infatti superare il 75% dell’importo mensile del trattamento. Lo stesso vale per trattamenti inferiori ai 12 mesi, in questo caso non potrà superare il 90%.

Precisazioni sull’importo massimo Ape volontaria 2018

Nel calcolo dell’anticipo pensionistico 2018 va inoltre considerato che “l’importo massimo non deve essere tale da determinare una rata di ammortamento residuo superiore alla durata del periodo di erogazione dell’Ape, non risulti superiore al 30% dell’importo mensile del trattamento pensionistico; al netto di eventuali rate per debiti erariali e di eventuali assegni divorzili; di mantenimento dei figli e di assegni stabiliti in sede di separazione tra i coniugi, indicati dal richiedente nella domanda di Ape“.

In conclusione:

Al fine di determinare l’importo massimo, l’importo mensile del trattamento pensionistico è considerato al netto dell’imposta sul reddito delle persone fisiche dovuta per il solo reddito da pensione“.

Di seguito un riepilogo di informazioni generali sull’Ape volontaria 2018:

Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

Come scrive l’Inps sul sito ufficiale, l’Ape volontaria è un prestito commisurato e garantito dalla pensione di vecchiaia, erogato dalla banca in quote mensili per 12 mensilità, che il beneficiario otterrà alla maturazione del diritto. È riconosciuta in via sperimentale dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2018 (articolo 1, comma 166 e seguenti, legge di Bilancio 2017).

Come fare domanda Ape volontaria Inps 2018

Il nuovo strumento di calcolo dell’anticipo pensionistico, Ape volontaria Inps, è stato sviluppato in base ai tassi prestabiliti da Ania, Associazione Nazionale per le Imprese Assicuratrici) e Abi (Associazione Bancaria Italiana). Gli step per richiedere l’ape volontaria sono i seguenti:



  • il richiedente fa domanda all’Inps per ottenere il prestito e la certificazione per ottenere l’Ape grazie alla pensione maturata;
  • la pensione maturata dovrà essere superiore o pari all’1,4 volte rispetto al trattamento minimo (nel 2018 ammonta a 710,388 euro al mese);
  • un volta presentata la domanda all’Inps, l’Istituto di Previdenza provvede a comunicare all’utente l’importo minimo e massimo che può erogare;
  • per importo minimo si fa riferimento a un trattamento di 150 euro mensili, per il massimo invece si parla del 75% del trattamento pensionistico mensile in caso di anticipo superiore ai 3 anni;
  • verrà invece erogato un prestito dell’80% se la durata varia dai 24 ai 36 mesi; per l’85% se la durata varia dai 12 ai 24 mesi, per il 90% se inferiore ai 12 mesi.

Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

Categorie Ape volontaria Inps 2018?

Chi può richiedere l’anticipo pensionistico o Ape volontaria Inps? Le categorie di lavoratori sono le seguenti:

  • lavoratori autonomi
  • dipendenti pubblici
  • dipendenti privati
  • lavoratori iscritti alla Gestione Separata

Coloro che invece sono liberi professionisti iscritti alle casse professionali sono esclusi dall’opzione.

pensione

Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

Requisiti Ape volontaria Inps 2018

I requisiti per accedere all’Ape volontaria devono poter godere dei requisiti richiesti dall’Inps, ovvero:

  • avere almeno 63 anni di età e 20 anni di contributi;
  • maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi;
  • avere un importo della futura pensione mensile, al netto della rata di ammortamento per il rimborso del prestito richiesto, pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo dell’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO);
  • non essere titolare di pensione diretta o di assegno ordinario di invalidità;
  • Non è necessario cessare l’attività lavorativa.

Come abbiamo scritto sopra, la richiesta deve essere effettuata tramite il sito ufficiale dell’Istituto di Previdenza, qui. Una volta completata la procedura online essa non può essere revocata, salvo per diritto di recesso da esercitarsi nei termini previsti dalla legge in materia creditizia e bancaria e dal codice del consumo.

Pensioni oggi ultime novità 20 febbraio 2018: Ape volontaria e anticipata aggiornamenti requisiti, condizioni e soglie

Cosa da sapere sull’Ape volontaria Inps 2018

È importante ricordarsi che:

  • il prestito è coperto da una polizza assicurativa obbligatoria per il rischio di premorienza. In caso di decesso dell’interessato prima dell’intera restituzione del debito l’assicurazione versa alla banca il debito residuo. L’eventuale pensione ai superstiti viene corrisposta senza decurtazioni;
  • in caso di concessione del prestito, dal momento in cui il contratto è reso disponibile online al richiedente decorrono i termini di 14 giorni per esercitare il diritto di recesso. In caso di recesso la domanda di pensione decade ed è priva di effetti;
  • le somme erogate a titolo di prestito non concorrono a formare reddito ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. Alle somme erogate a titolo di APE si applica il tasso di interesse e il premio assicurativo relativo all’assicurazione di copertura del rischio di premorienza previsti dagli appositi accordi quadro.
  • l’ape volontaria prevede un intervento diretto del datore di lavoro del settore privato, degli enti bilaterali o dei Fondi di solidarietà, con il consenso del lavoratore, per una riduzione della percentuale di incidenza della rata di ammortamento sulla futura pensione.

LEGGI ANCHE: Ape volontaria Inps 2018: simulazione, domanda, ultimissime oggi

© 2018, Nicoletta Esposito. All rights reserved.

Tags: , ,

0 Comments

Leave a Comment

I più letti

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK!

ULTIME NEWS

novembre: 2018
L M M G V S D
« Feb    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: © Labor News

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
e rimani aggiornato su...

 

- offerte di lavoro
- pensioni
- concorsi
- novità sul mondo del lavoro

 

INSERISCI LA TUA E-MAIL QUI SOTTO

 

ISCRITTO!