Pensioni oggi, ultimissime 16 novembre 2017: Opzione Donna 2018 requisiti e lavori usuranti, ultime news

I più letti

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK!

Facebook Pagelike Widget

ULTIME NEWS

Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

→ Condividi questo articolo:

Pensioni oggi, ultimissime 16 novembre 2017: Opzione Donna 2018 requisiti e lavori usuranti, ultime news

In attesa del nuovo incontro tra i leader sindacali e Governo Gentiloni, si parla sempre più insistentemente della possibile svolta sulle pensioni che verrà portata avanti nel caso del cosiddetto blocco sull’aspettativa di vita. Le precedenti dichiarazioni di Susanna Camusso e di Roberto Ghiselli, segretario generale della Cgil delle Marche, non lasciano sperare in una possibile proroga inerente la Legge Fornero vigente dal 2011. Le organizzazioni sindacali non sono ancora soddisfatte delle ipotesi messe negli scorsi giorni sul tavolo del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti.
> Cerchi un lavoro? Controlla tutte le offerte nella nostra sezione dedicata, CLICCA QUI

camusso sindacati

Un’altra questione importante da non sopravvalutare è quella legata alla pensione dei più giovani. Quali tutele saranno applicate da parte di Gentiloni  e Poletti su coloro che si sono appena affacciati al mondo del lavoro?
Durante l’incontro fissato per il prossimo 18 novembre 2017, si parlerà anche dell’Opzione Donna? Il tema senz’altro affrontato dalle oltre cento lavoratrici che si sono presentate la scorsa settimana sotto Montecitorio per chiedere una proroga fino a fine 2018.

Sabato potrebbe esserci dunque la svolta per coloro che vorrebbero ampliare la platea delle 15 categorie di lavori usuranti e per chi vorrebbe procedere con un’estensione, valida per tutto l’anno prossimo, legata all’Opzione Donna.

Pensioni oggi, ultimissime 16 novembre 2017: Opzione Donna 2018 requisiti e lavori usuranti, ultime news

Requisiti Opzione Donna 2017 2018

Quali sono gli attuali requisiti per accedere all’Opzione Donna del Governo Gentiloni? Attualmente le donne lavoratrici possono andare in pensione di vecchiaia con 20 anni di contributi secondo i requisiti anagrafici legati all’adeguamento dell’aspettativa di vita. L’accesso alla pensione è previsto al compimento di 66 anni e 7 mesi. Il prossimo 1° gennaio 2019 si passerà a a un’innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni.
I leader sindacali hanno già ribadito la loro posizione riguardo alle nuove disposizioni nel mese di ottobre 2017. Negli scorsi giorni la segretaria generale della Cigl, Susanna Camusso ha fatto sapere in un’intervista che si tratta di “proposte di Governo insufficienti” che vanno ridiscusse a Palazzo Chigi il prossimo 18 novembre.

Fino al 31 dicembre 2018 le lavoratrici italiane, sia dipendenti che autonome, potranno usufruire della pensione anticipata per uscire dal mondo del lavoro con 41 anni e 10 mesi di contributi. Dal 2019 gli anni di lavoro soppesati per ricevere l’Ape Social saliranno a 42 e 3 mesi. L’Ape Social è disponibile per tutte le donne italiane disoccupate, le lavoratrici con almeno 63 anni di età e 30 anni di contributi e coloro che rientrano nelle categorie: insegnanti della scuola d’infanzia, infermiere, ostetriche e educatrici dell’asilo nido. Sono agevolate dall’anticipo pensionistico anche tutte le persone con invalidità pari o superiore al 74 per cento e chi assiste un coniuge o un parenti di primo grado con un handicap grave.

LEGGI ANCHE: Poste Italiane lavora con noi, assunzioni e offerte di lavoro novembre 2017

© 2017, Igor Cerrutti. All rights reserved.

Tags: , , ,

0 Comments

Leave a Comment

error: © Labor News

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
e rimani aggiornato su...

 

- offerte di lavoro
- pensioni
- concorsi
- novità sul mondo del lavoro

 

INSERISCI LA TUA E-MAIL QUI SOTTO

 

ISCRITTO!